Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Digestione ancora difficile dopo eradicazione di H. Pylori"

Dopo esecuzione EGDS con esame istologico per digestione laboriosa mi hanno diagnosticato incontinenza cardiale e gastropatia iperemica lieve; il referto istologico riportava mucosa gastrica antrocorporale con quadro di gastrite cronica attiva con metaplasia intestinale a livello antrale e presenza di microorganismi morfologicamente compatibili con Helicibacter pylori. Dopo triplice terapia eradicante la ricerca HP nelle feci e il breath test erano negativi. Il mio problema però è che la digestione è leggermente migliorata, ma non in maniera ottimale, vorrei un suo parere sulla metaplasia e su un eventuale aiuto alla digestione.

Il programma diagnostico e terapeutico da lei seguito è stato adeguato. La metaplasia intestinale è una alterazione microscopica della mucosa gastrica associata ad aumentato rischio di sviluppare lesioni displastiche, pertanto necessita di sorveglianza clinica. L’infezione da Helicobacter pylori ne è una delle principali cause. Le recenti Linee Guida Europee raccomandano una sorveglianza endoscopica nei pazienti in cui la metaplasia intestinale sia estesa sia nell’antro sia nel corpo. Per questi è raccomandato un follow-up endoscopico e bioptico ogni 3 anni dopo la diagnosi. La persistenza dei disturbi può essere in relazione alla recente infezione dal H. pylori che ha creato uno stato infiammatorio cronico; tuttavia una volta eradicato, la mucosa gastrica tende al rinnovamento con guarigione. Potrebbe per un breve periodo essere di aiuto assumere un farmaco procinetico per migliorare la motilità durante la digestione.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su