Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Dieta in caso di paziente oncologico"

Mio padre ha un tumore avanzato al colon con metastasi al fegato, inoltre ha una cirrosi discretamente compensata. Sta facendo chemioterapia e finora non ha effetti collaterali evidenti però negli ultimi giorni soffre di diarrea. Ho prenotato la visita con la nutrizionista, ma passerà più di una settimana, vorrei capire se ora è meglio prediligere la dieta salva-fegato (no latticini, no zuccheri, no farinacei...) o anti-diarrea (no fibre, yogurt, patate bollite).

Dato il caso assolutamente personale, e dato che non conosco per niente lo stato di salute attuale di suo padre, né lo stato nutrizionale, se non avete già consultato il nutrizionista, mi limito a consigliare una dieta anti-diarrea. Generalmente questi pazienti hanno uno stato nutrizionale scarso e sono aggravati da malassorbimento dei nutrienti e anche dagli effetti della chemioterapia, seppure ben sopportati. Pasti frequenti e leggeri. Poche fibre. Lo yogurt non è controindicato e neppure un po’ di carni bianche o di pesci cotti al vapore.


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su