Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Diarrea protratta in un bimbo di due anni"

Il mio bimbo di due anni e tre mesi è da circa una ventina di giorni che ha episodi di diarrea. Ho eseguito esami delle feci, risultati negativi ed esami ematici, emocromo e test celiachia anche quelli con risultati perfetti. Ma il bimbo nonostante l'uso di fermenti, sali minerali e tannato di gelatina al bisogno non sta tutt'oggi meglio. Ho tolto latte e latticini da subito, ma le sue feci sono sempre molli. Per un virus credo che una ventina di giorni siano tanti e non so più che fare.

La diarrea protratta nei bambini di età inferiore ai 5 anni può spesso far seguito a un episodio infettivo. Il 3-5 % delle diarreee acute sono complicate dalla cosiddetta sindrome post-enteritica, cioè una diarrea che persiste. La causa è spesso un'anomala colonizzazione batterica dell'intestino, oppure una transitoria alterazione della composizione dei sali biliari, oppure ancora una sensibilizzazione ad alcune sostanze alimentari, a volte anche questa transitoria. Esiste anche la diarrea funzionale aspecifica, con alvo che si modifica nel corso della giornata, a volte è liquido, a volte è formato. Una forma molto particolare di diarrea è associata a un consumo elevato di succhi di frutta, ricchi di sorbitolo, cha andrebbero in questi casi eliminati. Un dato molto importante, per tutti i bambini con il sintomo "diarrea persistente o cronica", è considerare se stanno bene, diarrea a parte, cioè si comportano normalmente, giocano e sono felici, crescono bene. Inutile metterli a dieta se non ci sono indicazioni specifiche, perché la mancanza di substrato a livello intestinale, in particolare di grassi, può essere proprio la causa del persistere della diarrea. Se, invece, alla diarrea si accompagnano altri sintomi, quali mancata crescita o perdita di peso, bimbo svogliato o abbattuto, è opportuno consultare un gastroenterologo.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su