Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 3 minuti
sostanze cancerogene

Detersivi e vernici: i cancerogeni che abbiamo in casa

Veleni nascosti dove meno ce l’aspettiamo: la denuncia di un medico in un libro.

Veleni nascosti dove meno ce l’aspettiamo: la denuncia di un medico in un libro.

C’è il fumo di sigaretta, e su questo sappiamo tutto. Così come sullo smog. Ma non molti sanno che in casa dobbiamo fare i conti con diverse altre sostanze che aumenta il rischio tumore.

Per la gran parte di queste sostanze non c’è una dimostrazione scientifica, per ora c’è il sospetto. Servono studi che richiedono anni prima di poter dire con certezza se un additivo o un’altra molecola sono davvero cancerogene. Quanto sappiamo basta però per metterci in allerta.

Ci viene in aiuto Odile Fernàndez Martinez, un medico che ha dovuto combattere contro un tumore alle ovaie. Ha deciso di scrivere il libro La mia ricetta anti-cancro, per spiegare cosa fare per aiutare il proprio corpo a guarire. E per diffondere una cultura della prevenzione che al momento è ancora presa sotto gamba.

Sostanze a rischio

Sono tantissime le molecole che potrebbero aumentare la probabilità di un tumore. A partire dalla formaldeide, utilizzata come conservante nei cosmetici e shampoo, è presente anche in diversi tipi di plastiche e resine. Stando a diversi studi sarebbe in grado di provocare tumori di vario tipo.

C’è poi il problema della carne grigliata. Il classico barbeque sarebbe da limitare il più possibile perché il processo di cottura a diretto contatto con il fuoco causa la produzione di molecole note per aumentare il rischio cancro.

L’elenco è lunghissimo: nell’analisi di Martinez sono inclusi elettrodomestici che contengono idrocarburi aromatici polibromurati (PBB), cancerogeni, o gli alchifenoli dei detersivi (servono a favorire la schiuma, ma alterano l'equilibrio ormonale).

Per non parlare di solventi come l'ipercloroetilene, utilizzato dalle tintorie e poi inconsapevolmente “indossato” assieme ai vestiti. O degli insetticidi che ogni estate usiamo contro le zanzare e i ritardanti di fiamma presenti in materassi e cuscini.

Se vuoi saperne di più su questo argomento:

Tumori: le regole della prevenzione. Intervista all& 39;oncologo Armando Santoro

Prevenzione oncologica: poche regole fanno la differenza

Tumore della prostata, evitarlo è possibile

TAG
ARTICOLI CORRELATI
CONSULTA L’ARCHIVIO DI DISTURBI E PATOLOGIE
Torna su