Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Contagiosità delle micobatteriosi polmonari da MAR"

Vorrei sapere se può essere contagiosa una persona a cui è stata diagnosticata una micobatteriosi polmonare da MAR con possibili micetomi.

I micobatteri sono una grandissima famiglia di batteri che sostengono in primis la tubercolosi e non formano micetomi perché non sono miceti (cioè funghi), ma formano delle caverne all'interno delle quali proliferano e si mettono in contatto con il mondo esetrno. I MAR (micobatteri alcol-acido resistenti) sono appunto i micobatteridi cui il piu diffuso e il micobatterio della tubercolosi, altri sono il M. canettii, M. africanum, M. microti e M. bovis. Un altro gruppo, il più nutrito in assoluto, è costituito dai micobatteri non tubercolari, ossia da micobatteri che causano una serie di patologie diverse dalla tubercolosi nell'ospite umano, ma solo in concomitanza di particolari condizioni che abbassino le difese immunitarie dell'organismo colonizzato (si configurano perciò come parassiti) poi vi è il mycobacterium leprae responsabile della lebbra e molti altri. La particolare struttura della parete cellulare dei MAR conferisce loro anche una caratteristica importante per la loro identificazione in vitro, il cosiddetto fenomeno dell'acido-resistenza. I micobatteri tubercolari come dicevamo formano delle caverne che sono in contatto diretto con i bronchi e dal quale attraverso i colpi di tosse e il respiro contagiano le altre persone. Quindi la persona è decisamente contagiosa.


Ha risposto Tursi Francesco

Tursi

Francesco Tursi

Pneumologo

Dal 2005 è Dirigente medico presso l’UO di Pneumologia dell’Ospedale Maggiore di Lodi. È dal 2002 Segretario dell’Associazione Italiana per lo Studio della Tosse (A.I.S.T.) e dal 2009 Presidente dell’ALOR onlus (associazione lodigiana di ossigenoterapia riabilitativa).

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su