RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Condilomi e trasmissione alla partner femminile"

Il mio compagno da circa un anno e mezzo combatte con il problema dei condilomi, che vengono "bruciati", ma periodicamente si ripresentano. Io ho effettuato diversi Pap-test e visite di controllo, dai quali è risultato che non sono mai stata contagiata, mi sono anche sottoposta al vaccino. Ma ora, se sono venuta a contatto pensando che il problema fosse risolto sono comunque coperta con il vaccino? O c'è sempre il rischio di un eventuale contagio? E c'è anche il rischio di un contagio orale?

Il rischio di un contagio esiste se non vengono usati preservativi. Il contagio è possibile anche per via orale, in relazione con varie condizioni, compreso il tipo di virus, la quantità del passaggio virale, le capacità immunitarie dell’organismo che viene infettato, ed altro ancora. La presenza del virus non si manifesta in ogni caso con l’evidenza clinica del condiloma, cioè può esistere l’infezione senza che si manifesti la lesione condilomatosa. Nel partner è possibile che il trattamento non sortisca il risultato sperato probabilmente perché bisogna sostituire la terapia con diatermocoagulatore con una più efficace terapia distruttiva con il laser.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su