Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Come riuscire a stare a dieta ed eliminare gli "sgarri""

Ho 24 anni e sto seguendo una dieta da 1.500 kcal giornaliere. Il mio peso attuale è di 55 kg distribuiti in 1,60 di altezza, appunto per questo l'alimentazione prescritta dal dietologo non è molto rigida. Purtroppo ho sempre lo stesso problema: dopo due settimane di costanza nel seguire la dieta, inizio a concedermi piccoli "sgarri" fino ad aumentare la dose del piatto, o cambiarlo totalmente. Esiste un metodo per continuare a seguire la dieta? Ho attacchi di fame, bisogno fisico di sapori e la tentazione è più forte di qualsiasi cosa.

Consultare il dietologo è la cosa migliore da farsi, e lei lo ha già fatto. Resistere alle tentazioni è però più difficile, specie quando si è giovani e il sovrappeso è lieve. Ecco qualche suggerimento per evitare che i suoi sacrifici diventino inutili. Quando arrivano gli attacchi di fame sgranocchi sedano crudo fresco e croccante, carote crude o finocchi crudi. Oppure fragole al naturale e frutti di bosco, magari accompagnati da gallette di riso. Alterni il pane e la pasta con quelli di farine integrali. Mentre si rilassa, mangi una bella manciata di cereali croccanti con un bicchiere di latte scremato o uno yogurt magro senza zucchero. Se sente il bisogno di dolciumi, si orienti verso sorbetti alla frutta (senza zucchero e senza latte) o anche un pezzettino di cioccolato fondente, ma non tutti i giorni. Appena possibile faccia del movimento all’aria aperta, senza dimenticare che anche una sola passeggiata di almeno 30 minuti al giorno, è il modo migliore per non pensare ai piccoli “sgarri”.


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su