Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Come evitare una gravidanza"

ho 25 anni e sono vergine: la mia paura più grande è quella di restare incinta. Potrebbe aiutarmi rispondendo alle mie domande? Ho un ciclo abbastanza regolare. Saprebbe indicarmi qual è il periodo consigliato per avere rapporti? Il preservativo magari accompagnato dal coito interrotto possono bastare come anticoncezionale? Come faccio a capire se il preservativo si rompe? Si squarcia o si fora semplicemente? L’arrivo del mestruo è un chiaro segnale del non essere incinta? Dopo averlo fatto per la prima volta, possono crearsi squilibri nella regolarità del mio ciclo?

Non esiste un periodo indicato per avere rapporti quando si voglia evitare una gravidanza poiché, purtroppo, una ovulazione e un conseguente rischio di gravidanza possono esistere durante tutto il mese. Semmai si possono eventualmente indicare i giorni in cui l’ovulazione è più frequente, e sono quelli attorno a metà del ciclo. Questi sono giorni che vanno sicuramente evitati se la donna non desidera una gravidanza. Non esiste ovviamente possibilità che un rapporto sessuale possa creare irregolarità nel ciclo, se non nel caso in cui la donna resti gravida e il ciclo ritardi. Il fatto che arrivino le mestruazioni di per sé non esclude in modo assoluto che la donna non sia gravida. Ogni medico ha certamente visto donne gravide avere delle pseudo mestruazioni almeno per alcuni mesi. Il preservativo può essere sufficiente protezione per un rapporto sessuale, oltretutto difende anche dalle malattie sessualmente trasmesse, però potrebbe rompersi o sfilarsi. Ne consegue che è sempre corretto, alla fine del rapporto, verificarne la integrità, ad esempio riempiendolo di acqua.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su