Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Cicatrici da herpes genitale, quali cure"

Buonasera, a seguito di 2 episodi di herpes vaginale (il primo risale a un anno fa e il secondo a 3 mesi fa) ho tre cicatrici nella zona della forchetta. Dopo diverse terapie con diverse creme cicatrizzante, a base di gentamicina, a base di vitamina E purtroppo non ho risolto il mio problema. La colposcopia conferma che si tratta di cicatrice da herpes e il pap test va bene. Queste cicatrici appena provo ad avere un rapporto sessuale si aprono e diventano tagli dolenti e sanguinanti, impedendomi così di avere rapporti. Ci sono altre terapie o devo sottopormi ad un intervento laser?

Le cicatrici sono evidentemente l’elemento di persistenza della lesione virale a livello subclinico. L’herpes genitale è una malattia da cui non si guarisce anche quando ogni disturbo è scomparso da anni, poichè il virus è quasi sempre latente nel ganglio neuronale sottostante. Le possibili terapie per limitare i disturbi durante i rapporti sono varie, dai lubrificanti agli antivirali posti localmente, ma i risultati sono a volte eclatanti e a volte deludenti, probabilmente in relazione alle capacità di difesa immunitarie, che conviene in ogni caso potenziare.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su