Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Caffè con latte, formaggi, forza muscolare"

Sono un ragazzo di 20 anni, alto 183 cm per 69 kg. Attualmente mi alleno 5 volte a settimana andando 3 volte in piscina e 2 volte mi alleno a casa. Il mio scopo è fare sport per sentirmi bene e contemporaneamente mettere su un pò di forza e tono muscolare (non però grandi masse da body building). Volevo porle due domande riguardanti l'alimentazione. 1) I formaggi sono così dannosi per la loro quantità elevata di grassi rispetto alla quantità di proteine? E se si quali e in quanti dosi potrebbero essere mangiati? 2) Mescolare il latte col caffè la mattina può essere dannoso per l'organismo?

Una dieta bilanciata, con pochi grassi e molti ortaggi e frutta, abbinata a una costante attività fisica sono i principi fondamentali per mantenersi in salute e in forma il più a lungo possibile. Ma tutto questo va fatto sempre sotto controllo medico e specialistico. Per aggiungere forza muscolare il latte va benissimo, e in particolare per l’attività fisica consiglierei latte scremato e yogurt magro tutti i giorni, specie quando è in fase di rilassamento. Per i formaggi: sono consigliati solo 1-2 volte la settimana come secondo piatto e il meglio sono i formaggi freschi e non troppo grassi, salati o fermentati (per esempio 150 gr di ricotta fresca magra con verdure). Il latte col caffè la mattina non è dannoso per la salute.


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su