Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Bronchite cronica e variazione dei parametri su sangue arterioso"

Mia mamma soffre di bronchite asmatica da 30 anni circa, ha sempre fatto utilizzo di cortisonici. Circa una settimana fa l'ho portata al pronto soccorso per tachicardia e affaticamento nel respirare, le è stato fatto un prelievo arterioso (O2 = 62 e CO2 = 9%). Mia mamma fuma circa 30 sigarette al giorno. Al PS mi hanno detto di portarla con urgenza a fare una spirometria con visita pneumologica, l'ho portata in un'altra struttura nella quale hanno fatto un nuovo prelievo arterioso (O2 = 81 e Co2 = 7,4%) e la dottoressa ha detto che mia mamma sta benissimo. Adesso io mi chiedo perché mia mamma da 30 anni prende il cortisone per la bronchite asmatica cronica e non respira bene? E, soprattutto, è possibile che due prelievi arteriosi possano avere dei valori così differenti nel giro di una settimana?

Sua madre prende un farmaco perché ha una bronchite asmatica e la malattia è cronica e, inoltre, se continua a fumare presto quel farmaco non basterà più. Certo è che ultimamente sono usciti nuovi farmaci per la broncopneumopatia cronica ostruttiva che possono sostituire quello che ha citato. Per rispondere all'altra domanda i volori dei gas nel sangue (pO2 e PCO2) possono cambiare anche in un ora perché, magari, sua mamma ha fatto un aerosol con broncodilatatore o per altre ragioni. Inoltre bisognerebbe capire se il prelievo fatto in precedenza non sia stato di sangue arterioso contaminato da sangue venoso oppure se nel secondo prelievo non sia entrata un po' di aria: casi nei quali i valori possono essere così diversi. In ogni modo, se sua madre ha una diagnosi di bronchite asmatica cronica è bene che faccia controlli annuali per monitorarla e, sopratutto, la faccia smettere di fumare.


Ha risposto Tursi Francesco

Tursi

Francesco Tursi

Pneumologo

Dal 2005 è Dirigente medico presso l’UO di Pneumologia dell’Ospedale Maggiore di Lodi. È dal 2002 Segretario dell’Associazione Italiana per lo Studio della Tosse (A.I.S.T.) e dal 2009 Presidente dell’ALOR onlus (associazione lodigiana di ossigenoterapia riabilitativa).

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su