Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Bimbi che dormono poco"

Mia figlia da quando è nata non dorme di notte. All'inizio pensavo che fosse normale, ma ora ha 2 anni e 8 mesi e ancora non dorme bene: si addormenta in braccio a me e poi la metto nel suo letto, ma alle 2 o 3 di notte si sveglia e inizia a piangere. Cosa posso fare per risolvere questa problema? Ora c'è suo fratellino di 11 messi che dorme bene e non vorrei che iniziasse a prendere abitudine di svegliarsi anche lui. Per di più mi preoccupo di cosa possa succedere a mia figlia che non dorme. Cosa c'è che non va?

Il sonno dei bambini piccoli è spesso un problema: più per i genitori che per loro! La sua bimba non ha ancora un ritmo di sonno regolare, l'arrivo di un fratellino non ha certo aiutato, ma non le succederà nulla. I risvegli frequenti sono normali nei piccoli, crescendo scompaiono. Inoltre, un bimbo piccolo quando si sveglia ha ancora bisogno di essere rassicurato sulla presenza della mamma e difficilmente si riaddormenta da solo. La colpa non è dei suoi genitori: il fatto che l'altro bimbo dorma bene dovrebbe confortarla in questo senso. Quando si sveglia la rassicuri, senza sgridarla e senza sensi di colpa. Cerchi anche di stabilire un "rituale" serale per favorire il rilassamento e un sonno più tranquillo: giochi più calmi verso la sera, un bagno con tanto di giochi nell'acqua, cena leggera e digeribile, magari addormentarsi con la lettura di una favola. Ripetere sempre gli stessi gesti li rasserena. Non sono ricette miracolose, ma un po' aiutano. Soprattutto non pensi alle conseguenze future per la sua bambina: non ce ne sono e crescendo anche i più "irriducibili" dormono con regolarità.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su