Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Bimba prematura che smette di alimentarsi correttamente"

Sono la mamma di una bambina nata prematura e sottopeso; è cresciuta regolarmente alimentandosi esclusivamente col biberon e il latte per nati prematuri fino ai 3,5 kg, ha preso 1 kg al mese e oggi pesa 5,100 (abbiamo cambiato 7 marche di latte 1). Sono però preoccupata perché negli ultimi 15 giorni è una tortura darle da mangiare (urla, tossisce e ha continui rigurgiti). La pediatra dice son delle colichette e ci ha prescritto simeticone, ma piange solo quando mangia, rifiuta spesso di mangiare e mangia molto poco e ho paura che questo mese non cresca a sufficenza.

Se un bimbo che ha sempre mangiato e digerito bene all'improvviso rifiuta di alimentarsi e cambia le sue abitudini, possono essere svariate ragioni, non necessariamente un problema grave, ma sicuramente qualcosa che merita attenzione. Quello che lei riferisce sembra proprio correlato al latte o, comunque, al pasto. Non serve cambiare tipo di latte, ogni latte formulato contraddistinto dal numero 1 è adatto al neonato da 0 a 6 mesi, cambiare marca significa solo cambiare il nome e non la sostanza. Se serve un latte dietetico ci vuole una prescrizione del pediatra, dopo aver valutato quale sia opportuno assumere. Ci sono in commercio anche latti antirigurgito, anticoliche, addizionati di farine o addensanti, ma cambiare alla cieca, più volte, senza attendere un po' di tempo per vederne gli effetti serve a poco, se non addittura si rivela controproducente ai fini di una diagnosi. Se la valutazione della sua pediatra le è parsa poco accurata, non esiti a consultarne un altro o a consultare i pediatri e i neonatologi dell'ospedale presso cui la piccola è stata ricoverata quando è nata.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su