Pubblicità
Ico tempolettura 4d4ceff10709fc567a3b0d04cf7fe5fe311c0b603cdcdde16d5fa93daf9467a7 Tempo di lettura: 5 minuti
neve fresca prevenzione cadute

Attenti alla neve, specie se fresca

La neve, per quanto affascinante, comporta alcuni rischi, e non soltanto per gli sportivi. Ecco come comportarci in caso di incidenti o, meglio ancora, per prevenirli.

Una nevicata abbondante è sempre affascinante e riesce a creare atmosfere particolari. Ma non per questo è priva di pericoli. Vediamo come godere di tutti i vantaggi della neve senza correre rischi.

Se la caduta della neve è entusiasmante in montagna, specie per chi ama sciare, ed è in grado di conferire anche agli ambienti grigi delle città un’atmosfera da favola, qualche problema lo può creare. Specie per i cittadini, in particolare quelli poco abituati al fenomeno.

Oltre a disagi di ordine pubblico, come il traffico in tilt e la chiusura delle scuole, la neve può costituire un serio pericolo, in particolar modo per le persone anziane.

Nel caso in cui dopo un’intensa nevicata non intervenga la pioggia a facilitarne lo scioglimento, in seguito al notturno abbassamento delle temperature, il manto nevoso diventa una lastra di ghiaccio che trasforma le strade delle nostre città in vere e proprie piste di pattinaggio.

I pericoli per chi scia

Gran parte degli infortuni che avvengono sulla neve, che si tratti di sciatori o di appassionati di snowboard, è dovuta all’assenza di una corretta preparazione atletica. In questo caso il pericolo principale è quello di procurasi lesioni articolari, ossee o tendinee, come fratture, distorsioni e lussazioni.

Pubblicità

Le fratture, l’evento in assoluto più grave insieme con le lesioni legamentose, richiedono poi lunghi periodi di convalescenza, in particolare quando sono scomposte (con spostamento delle ossa) o esposte (quando l’osso rotto perfora i tessuti circostanti, producendo una ferita esterna soggetta a possibili infezioni).

Le distorsioni rappresentano la distensione o lo strappo dei legamenti di un’articolazione, mentre si parla di lussazione quando avviene lo spostamento di un osso nella sua sede articolare.

E anche per chi semplicemente passeggia

Ma i pericoli non sono in agguato soltanto per gli sportivi: chi non è affascinato e attratto dalla coltre immacolata di neve appena caduta? Ma, attenzione, poiché avventurarvisi anche a piedi può riservare brutte sorprese.

La mancanza di appoggi e la non idoneità degli indumenti indossati per esempio (si pensi anche soltanto alle scarpe) aumentano il rischio di cadere o di sprofondare letteralmente nella neve con conseguenti iper-sollecitazioni delle strutture muscolari e ossee, fino alla frattura.

Come si riconosco le fratture

A volte, però, una frattura non si manifesta con chiarezza, mentre è necessario tener conto di alcuni segni che, se colti al momento giusto, consentono un intervento tempestivo e quindi una guarigione migliore e più veloce.

Se, dopo l'infortunio, si avverte un dolore acuto e intenso, ma soprattutto l’impossibilità di muovere la parte interessata, se si nota deformazione nell’arto interessato (storto o piegato ad angolo), si avverte uno scricchiolio, se compare istantaneamente gonfiore o un ematoma, è fortemente consigliato chiamare aiuto.

Meglio non muoversi e attendere i soccorsi che potranno trasportare immediatamente al pronto soccorso ortopedico più vicino.

Consigli pratici per un primo intervento

Oltre a saper riconoscere una frattura ossa, è importante non peggiorare la situazione fino all’arrivo dei soccorsi. In primo luogo, per evitare un aggravamento della lesione, è necessario non muovere il soggetto.

In seguito o contemporaneamente si deve contattare un’ambulanza o il soccorso alpino e, nell’attesa, limitarci a tranquillizzare la persona infortunata; la cosa più importante è assicurarsi che il soggetto non si muova.

Solo in casi estremi, quando ci troviamo nell’impossibilità di chiamare i soccorsi, si deve innanzitutto cercare con ogni mezzo disponibile di immobilizzare la parte fratturata muovendola il meno possibile prima di trasportare, con molta attenzione, chi si è fatto male.

Se siamo soli

Nel caso in cui si cada in un luogo isolato e al momento non ci sia nessuno che possa aiutarci, prima di tutto non si deve perdere la calma e, cercando di mantenersi lucidi, dobbiamo rimanere il più possibile immobili e chiamare il 118.

A cura della redazione

TAG
VIDEO

Sport: verità scientifiche e leggende metropolitane

Sport leggende e verita

Riduce la pressione? Fa venire il mal di testa? Giuseppe Marini, medico dello sport, svela che cosa c'è di vero sulle tante leggende metropolitane.

LEGGI TUTTO
CONSULTA L’ARCHIVIO DI SPORT E FITNESS
Torna su