Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Aspetto femminile del corpo in un maschio diciottenne"

Sono un ragazzo di 18 anni, ma il mio corpo non somiglia affatto a quello di un maschio, a partire dai fianchi che sono più da ragazza, visto che sono molti grandi, ad arrivare a glutei e cosce che hanno aspetto femminile. È una disfunzione? Si può curare?

Si tratta di una distribuzione “ginoide” (femminile) del tessuto adiposo sottocutaneo, localizzato preferenzialmente nella parte inferiore del corpo ovvero a livello di glutei, fianchi e cosce. Probabilmente nel suo caso concomita anche un “eccesso di peso” (sovrappeso/obesità). Per un corretto inquadramento del caso è opportuna una valutazione di carattere medico generale che preveda la raccolta di notizie cliniche, la visita medica, e l’eventuale esecuzione di esami ematochimici-ormonali. Potrebbe essere indicata una valutazione endocrinologica volta alla ricerca e all’eventuale trattamento di condizioni di errato stile di vita, alterato metabolismo, stati di deficit e/o eccesso ormonale. Data la giovane età, intervenire oggi significa prevenire l’insorgenza di malattie connesse all’eccesso ponderale quali malattie cardiache, respiratorie, osteo-articolari e diabete e influire positivamente sul “funzionamento sociale” dell’individuo (rapporti con i propri coetanei, con la famiglia) prevenendo così il disagio psichico.


Ha risposto Maggi Mario

Fotomggi

Mario Maggi

Andrologo e sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Firenze, si è specializzato in Endocrinologia nel medesimo Ateneo. Dal 2005, è Direttore S.O.D. Medicina della Sessualità e Andrologia, Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi, Firenze.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su