RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Asma, uso di inalatore e gravidanza"

Sono asmatica dalla nascita, di forma allergica. Durante la mia crescita, le crisi d'asma sono diventate rare, ma faccio uso di inalatore con salbutamolo molto spesso. Durante il giorno, ma sopratutto durante la notte. Anche se rido forte o più a lungo, devo avere l'inalatore a portata di mano, evito di fare attività fisica perché so di non avere una capacità respiratoria che me lo consente. Inoltre, desidero avere un bambino, ma mi chiedo se sarà possibile durante la gravidanza assumere salbutamolo nel modo in cui la assumo quotidianamente: se non fosse cosi, sarò in grado di portare avanti una gravidanza avendo difficoltà respiratorie?

Chiaramente il suo asma non è controllato, e deve rivolgersi al centro pneumologico di riferimento per una presa in carcio e una modifica della terapia e, visto che si tratta di un asma allergico potrebbe beneficiare anche di nuovi farmaci come gli anticorpi anti-IgE quali l' omalizumab, o più semplicemente potrebbe trarre vantaggio da una terapia cronica con broncodilatatori e steroidi a lunga durata d'azione che non sono assolutamente controindicati in gravidanza.


Ha risposto Tursi Francesco

Tursi

Francesco Tursi

Pneumologo

Dal 2005 è Dirigente medico presso l’UO di Pneumologia dell’Ospedale Maggiore di Lodi. È dal 2002 Segretario dell’Associazione Italiana per lo Studio della Tosse (A.I.S.T.) e dal 2009 Presidente dell’ALOR onlus (associazione lodigiana di ossigenoterapia riabilitativa).

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Attenzione: Il servizio "Chiedi all'esperto" sarà sospeso dal 1 Agosto 2017 fino al 31 Agosto 2017.
I quesiti inviati durante questo periodo potranno essere inoltrati ai nostri consulenti dopo la pausa estiva.

Torna su