Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Antidepressivi e cure per il Parkinson"

Mia zia soffre di Parkinson allo stadio iniziale; ha 84 anni vive sola assumeil farmaco a base di levodopa e carbidopa da tre anni. La sintomatologia è migliorata ma è insorta una depressione. Il suo medico di base dice che gli antidepressivi anche in minimi dosaggi sono incompatibili con la levodopa. Mia zia non vuole consultare uno specialista in merito.

L’insorgenza di una forma depressiva è fisiologica e qualunque rimedio, anche se naturale, come l’Iperico, rischiano di neutralizzare l’effetto inibitorio dei farmaci anti-#Parkinson#. Il compromesso in questi tipi di patologie va sempre misurato con il miglioramento della qualità della vita. È fondamentale il consulto con lo specialista non necessariamente con la presenza di sua zia.


Ha risposto Raimo Renato

Renato raimo

Renato Raimo

Farmacista perfezionato in Fitoterapia, Fitopreparatore

Dal 1992 è titolare di Farmacia. È esperto di Piante medicinali e Omeopatia ed è Fitopreparatore. Laureato alla facoltà di Farmacia dell’Università di Pisa, nel 1992 si perfeziona in Fitoterapia presso la scuola di Perfezionamento dell’Università degli studi di Siena.

Torna su