RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Anello contraccettivo ed eventuale pausa"

Uso anello contraccettivo da 5 anni e non ho mai fatto un’interruzione perché ho paura di una gravidanza. Però ogni tanto l'anello mi da fastidio, altri sintomi non credo di averli. Secondo lei è meglio interrompere per un periodo? Qual è il periodo migliore?

Non esistono necessità mediche per interrompere saltuariamente l’uso dell’anello, così come della pillola o del cerotto, se la donna non ha specifiche complicazioni. Nel caso particolare dell’anello è opportuno valutare cosa significhi avere “fastidio”, e comparare il possibile desiderio di rimuoverlo per un certo tempo con il rischio di gravidanza non desiderata, Può essere anche possibile cambiare verso una diversa forma di somministrazione dell’estroprogestinico, quale potrebbe essere la via orale o quella transcutanea. Non esistono ovviamente periodi migliori o peggiori per fare eventualmente queste scelte.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su