RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Amenorrea dopo chirurgua bariatrica"

Sono affetta da obesità patologica e ho subito un intervento di chirurgia bariatrica un mese e mezzo fa. Ho sempre assunto la pillola sia per regolarizzare il ciclo sia per la sua funzione anticoncezionale. Dopo l'intervento ho avuto il ciclo ma poi, alla seconda sospensione della pillola, non ho visto più nulla. So che è normale a seguito di un intervento... la mia domanda è se posso continuare ad assumere la pillola anche se il mestruo non arriva. Le chiedo inoltre di chiarirmi se il lansoprazolo può causare una minore efficacia della pillola.

La mancata mestruazione dopo l’interruzione abituale della pillola per sette giorni è un fenomeno possibile e relativamente comune, dovuto all'azione che la pillola ha sull’endometrio. Ovviamente la situazione merita comunque di essere valutata e interpretata, cercando anche altre possibili concause. Tra queste certamente lo stress di un intervento può avere una sua valenza. Allo stesso modo possono agire farmaci attivi sul sistema nervoso, probabilmente utilizzati in questo caso. In ogni caso risulta sempre prudenziale effettuare un test di gravidanza, meglio se con un prelievo di sangue che dosi l’HCG-beta. È comunque utile procedere nel contempo con l’assunzione della pillola. In questa particolare situazione, in cui sono presenti sovrappeso, irregolarità basale del mestruo, peluria abbondante, vanno comunque fatte altre considerazioni. Ad esempio se vi sia una microplicistosi ovarica, per la quale sarebbe più opportuno l’uso di una pillola con una componente progestinica decisamente antiandrogenica. L’altra considerazione va fatta sul peso, perché vi sono segnalazioni in letteratura di una possibile minore efficacia della pillola nelle donne obese e, comunque, con peso superiore ai 90 kg. E un'ultima considerazione andrebbe fatta sul tipo di chirurgia bariatrica effettuata perché questa potrebbe alterare l’assorbimento della pillola insieme con l’alterazione dell’assorbimento degli alimenti in generale, scopo principale di questa chirurgia fatta per ottenere la diminuzione del peso. Ciò potrebbe incidere sulla sicurezza anticoncezionale. Quanto al lansoprazolo non vi sono segnalazioni di interazioni vere nella efficacia della pillola, anche se ne utilizza le stesse vie metaboliche. In conclusione, in questo caso userei precauzioni aggiuntive almeno fino a dopo avere rifatto il punto con un buon ginecologo.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Attenzione: Il servizio "Chiedi all'esperto" sarà sospeso dal 1 Agosto 2017 fino al 31 Agosto 2017.
I quesiti inviati durante questo periodo potranno essere inoltrati ai nostri consulenti dopo la pausa estiva.

Torna su