RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Come sapere se il latte materno è "buono""

Mia figlia ha 8 giorni. È nata con un taglio cesareo dopo 18 ore di travaglio. Alla nascita pesava 3,520 kg, all'uscita dall'ospedale 3,2. Ha sempre poppato per circa 20 minuti e sempre si è saziata e ha dormito sonni profondi. Ora sono due notti che non c'è verso di farla dormire: è come se non fosse mai sazia, si attacca al seno, ciuccia, si stacca, piange si riattacca e il tutto va avanti anche per due, tre ore. Stanotte mio marito ha ompreto il latte in polvere, che la piccola ha bevuto di cuore e per 4 ore ha dormito come un angelo. Stamattina si è riattaccata al seno (oggi già lo sento più " pieno ").senza problemi e in questa settimana ha preso 400 g. Come posso sapere se il mio latte non è buono?

Dopo 8-12 giorni dal parto si può verificare una riduzione della produzione di latte. È un evento fisiologico e passa continuando ad attaccare al seno il neonato. La suzione stimola un ritorno del latte. Se però la stanchezza materna è molta e la mancanza di sonno si fa sentire, la scelta di somministrare aggiunte di latte formulato è sensata. Anche se la crescita della sua bambina è ottima. Il latte materno non è mai poco sostanzioso, può essere a volte scarso, anche in momenti diversi della giornata. La decisione di attaccare la bimba più spesso o di darle del latte in polvere dipende da tanti fattori, ma è della madre, a seonda della sensazione di "seno vuoto" o "pieno"e della stanchezza. Un allattamento ben avviato non verrà certo compromesso da un biberon somministrato con un criterio di buon senso.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Attenzione: Il servizio "Chiedi all'esperto" sarà sospeso dal 1 Agosto 2017 fino al 31 Agosto 2017.
I quesiti inviati durante questo periodo potranno essere inoltrati ai nostri consulenti dopo la pausa estiva.

Torna su