Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Agnocasto per contrastare la galattorrea"

Ho galattorrea da più di un anno e prolattina alta, mi sono curata sia con cabergolina che con bromocriptina subendo però importanti effetti collaterali. Vorrei provare una terapia con agnocasto. Pensa che potrebbe fare al mio caso? Si sospetta che possa avere un microadenoma ipofisario secernente che però non ha trovato un riscontro certo con la risonanza senza contrasto. A dicembre ripeterò l'esame con contrasto, nel frattempo vorrei iniziare una terapia naturale. Mi può consigliare ?

L' agnocasto può essere una buona soluzione, usando un estratto secco titolato in agnuside minimo 2%, alla dose di 25 mg al mattino al risveglio e 25 mg nel tardo pomeriggio, sempre quindi a stomaco vuoto. Dopo 3 mesi di cura deve ricontrollare la prolattina nel sangue.


Ha risposto Sannia Antonello

Sannia1

Antonello Sannia

Endocrinologo, docente di Fitoterapia

È docente al corso di perfezionamento in fitoterapia presso le Università di Siena e di Pavia, è membro della SIFIT (Società Italiana di Fitoterapia) e svolge la sua attività libero professionale in alcuni Centri Medici Specialistici in Piemonte.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su