Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Acidi biliari elevati e dolori a fegato e dorso"

Sono una donna 43 anni e da due ho un dolore dalla parte del fegato. Ho fatto visite, ecografie del fegato ma tutto pare normale. Invece il dolore è troppo forte e lo sento ancora di più dietro sulla spalla. Dagli esami del sangue risultano gli acidi biliari troppo alti (09-12 ); scendono solo durante la cura con farmaco e poi si alzano di nuovo. Sono stata attenta al cibo, ho mangiato solo in bianco, ma i dolori ci sono sempre c’è qualcos’altro da fare?

Per quanto riguarda i valori sempre elevati di acidi biliari, ritengo debbano essere approfondite le indagini con esami ematici per studiare bene la funzionalità del fegato e l’assetto autoanticorpale, sempre rivolgendosi a uno specialista epatologo che dopo una visita approfondita le può dare indicazioni più precise. Il dolore che lei lamenta, è sicura che si tratti di un dolore da riferirsi solo al fegato? Anche per questo sintomo occorre una visita approfondita e, eventualmente, uno studio del polmone/pleura, oltre a escludere che sia un problema muscolo-schelettrico.


Ha risposto Mazzocchi Samanta

Samanta mazzocchi

Samanta Mazzocchi

Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 2002 presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha conseguito nel 2008 il diploma di Specializzazione in "Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva". Dal 2013 è dirigente medico presso l’Azienda Ospedaliere di Piacenza all’Ospedale di Castel San Giovanni e, in qualità di Medico Gastroenterologo, si occupa dell’ambulatorio di gastroenterologia e di endoscopia digestiva.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su