Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"A due anni raffreddore e tosse da circa due mesi"

Mio figlio di 15 mesi è dal 29 gennaio con un brutto raffreddore, accompagnato da abbondante catarro, muco e tosse che lo accompagna tutta la notte. Aerosol, doccia nasale, lavaggio naso e aspirazione muco, una settimana di amoxicillina e 3 giorni di ibuprofene (per l'orecchio), giornate di mare... ma ancora nessun miglioramento, il muco è sempre giallo e denso (senza febbre). Oggi l'ho riportato dalla pediatra che ha constatato che ha anche la congiutivite e che questo raffreddore è troppo persistente. Mi ha dato un collirio e delle gocce nasali di argento vitellinato ed efedrina cloridrato che dal foglietto illustrativo sono sconsigliate sotto i 12 anni. Che fare?

Le malattie respiratorie sono molto diffuse nei mesi invernali, soprattutto nei più piccini, che hanno difese immunitarie ancora incomplete. Anche senza frequentare un asilo si possono ammalare: gli adulti che stanno con loro e altre persone con cui vengono a contatto, possono comunque contagiarli con i virus respiratori, estremamente diffusibili. La presenza di catarro e muco nelle vie respiratorie può a sua volta favorire la crescita di batteri che complicano il quadro e lo rendono cronico. A volte la scelta di aggiungere una terapia antibiotica sistemica si fa su questa base. Altre volte si preferisce, invece, utilizzare solo terapie locali come lavaggi nasali o decongestionanti. L’uso di alcuni di questi farmaci è stato recentemente rivisto in età pediatrica, dopo la segnalazione di alcune effetti collaterali. È vero che quello da lei citato è stato di recente tolto dal prontuario pediatrico, dopo alcune segnalazioni, anche se è stato utilizzato per tanti anni da quasi tutti i pediatri.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su