pubblicità

Disturbi e patologie

Scegli l'argomento della sezione

 

Articolo

Cirrosi

Che cos’è

Si tratta di una malattia caratterizzata da un'infiammazione cronica del fegato, di varia origine, che provoca delle lesioni con la conseguente formazione di tessuti fibrosi (cicatrici) e di “noduli” di rigenerazione del tessuto epatico che, poco a poco, sovvertono la normale architettura del fegato.

I noduli di rigenerazione inducono infatti la formazione di un sistema disordinato di nuovi vasi sanguigni che da un lato porta a un aumento della pressione nelle vene che interessano l'organo (con conseguente ipertensione detta ipertensione portale) e dall'altro alla compressione dei vasi che irrorano altre aree del fegato, con possibili ulteriori danni.

La malattia è cronica e in genere irreversibile.

Scopri quali sono le misure da adottare per prevenire la comparsa di cirrosi in questo articolo .

Cause

La principale causa di cirrosi è rappresentata dalle infezioni da virus dell’epatite C, B e, in misura minore, D. Frequente è lo sviluppo di cirrosi anche nei forti bevitori in quanto nel metabolizzare l'alcol il fegato produce composti tossici che danneggiano le cellule epatiche.

Anche l'esposizione a sostanze tossiche, di origine sia naturale (funghi velenosi) sia industriale, può provocare danni che evolvono in cirrosi.

C’è anche un discreto numero di farmaci potenzialmente epatotossici, dannosi soprattutto se assunti a dosaggi elevati.

La cirrosi può a volte rappresentare la complicanza di una steatosi epatica non alcolica (condizione detta anche “fegato grasso”); di patologie biliari come l'ostruzione prolungata delle vie biliari, la cirrosi biliare primitiva, la colangite sclerosante primitiva; dell'ostruzione cronica del deflusso venoso dal fegato e di alcune malattie ereditarie (emocromatosi, malattia di Wilson, deficit di alfa-1-antitripsina, galattosemia).

Sintomi più comuni

La cirrosi può restare asintomatica per molti anni. Quando inizia a rendersi manifesta si osserva perdita dell'appetito, stanchezza (astenia), nausea , calo di peso; a volte si nota la formazione di piccole placche di grasso alle palpebre e di eritema ai palmi delle mani.

Si può anche riscontrare una certa facilità a manifestare ematomi anche per leggere contusioni.

Successivamente possono intervenire ittero (colorito giallastro della pelle e delle sclere degli occhi), prurito e, negli stadi più avanzati, ascite (raccolta di liquido nel peritoneo con rigonfiamento dell’addome) e stati di confusione mentale.

Complicazioni

Tra le complicanze della cirrosi, oltre all'ingrossamento della milza (splenomegalia) c’è la formazione di varici nei vasi sanguigni che irrorano l'esofago e lo stomaco, che rischiano di rompersi dando origine a sanguinamenti ed emorragie , a volte anche imponenti.

Un'altra complicanza è l'abbassamento dei livelli di ossigeno presenti nel sangue (ipossiemia) con progressiva dispnea (respirazione difficoltosa). Si possono anche manifestare broncopneumopatia cronico ostruttiva e altre patologie polmonari in seguito a reazioni autoimmuni alla malattia.

Specie quando all'origine della cirrosi c’è una epatite B o C, aumenta il rischio che si sviluppi un carcinoma.

Le cure

La terapia mira a fermare o rallentare la progressione della malattia, evitando ulteriori danni epatici e le possibili complicazioni. Sono di particolare importanza le prescrizioni dietetiche e ancor più l'eliminazione assoluta delle bevande alcoliche.

L'eventuale terapia farmacologica ha lo scopo di prevenire le complicazioni o di alleviare i sintomi, come nel caso del ricorso a diuretici per ridurre l'ascite.

È bene che il paziente con cirrosi consulti il medico anche per l'assunzione di farmaci da banco e prodotti erboristici.

Nei casi in cui la malattia si aggravi notevolmente può essere necessario il trapianto di fegato.

Quando consultare il medico

È opportuno quando persistano per un certo tempo sintomi leggeri (perdita dell'appetito, stanchezza, calo di peso) e sempre in presenza di sintomi più preoccupanti come l'ittero. Il medico provvederà agli accertamenti diagnostici opportuni.

Altri contenuti

Torna su