Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Virus influenzali nel neonato e sua suscettibilità futura "

Vorrei sapere se un neonato che ha passato virus influenzale e bronchite sarà un bambino debole di bronchi e soggetto a ricadute di questo tipo: sono molto preocupata.

Una singola infezione virale, pur con coinvolgimento dei bronchi, non significa che il piccolo sia più a rischio di altri. In genere i virus influenzali o parainfluenzali non lasciano residui di maggior fragilità o suscettibilità a infezioni future. Almeno non in modo permanente. Può rimanere una transitoria fragilità, chiamata "immunodepressione", dovuta all'impegno del sistema immunitario a svolgere il suo naturale compito di difesa, che dura non più di 3-4 settimane. È un breve periodo in cui è più facile ammalarsi, ma una volta trascorso si torna come prima.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su