Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Virus influenzali nel neonato e sua suscettibilità futura "

Vorrei sapere se un neonato che ha passato virus influenzale e bronchite sarà un bambino debole di bronchi e soggetto a ricadute di questo tipo: sono molto preocupata.

Una singola infezione virale, pur con coinvolgimento dei bronchi, non significa che il piccolo sia più a rischio di altri. In genere i virus influenzali o parainfluenzali non lasciano residui di maggior fragilità o suscettibilità a infezioni future. Almeno non in modo permanente. Può rimanere una transitoria fragilità, chiamata "immunodepressione", dovuta all'impegno del sistema immunitario a svolgere il suo naturale compito di difesa, che dura non più di 3-4 settimane. È un breve periodo in cui è più facile ammalarsi, ma una volta trascorso si torna come prima.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su