Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Vescica iperattiva: può essere alimentare?"

Da qualche giorno ho sintomi di vescica iperattiva. A volte mi capita di dover orinare anche 3 volte in un ora (con episodi di piccolissima entità o poche gocce), non ho altri sintomi, nessun bruciore, nessun dolore. Nelle passate settimane ho assunto 5/6 caffè al giorno e una lattina di coca cola a cena. Pensa possa essere un disturbo alimentare?

La vescica iperattiva è un problema abbastanza comune che può essere di origine diversa - da cause neurologiche, o ginecologiche, o urologiche - ed è più frequente nelle donne in menopausa o negli uomini con problemi alla prostata. Generalmente si controlla bene con farmaci specifici, se necessari, e comportamenti igienici adeguati. Il tutto ovviamente va prescritto dal suo medico in base al suo caso specifico. Gli alimenti però c’entrano poco o quasi niente. Più che altro è il consumo di liquidi che non dovrebbe essere eccessivo, anche per limitare l’urgenza. Tuttavia la caffeina, che è contenuta nelle bevande a base di cola, ha un riconosciuto potere stimolante della diuresi e andrebbe evitata, o comunque non consumata abitualmente: sarebbe meglio ridurre anche il consumo di tazzine di caffè non superando 2-3 al giorno. Anche il consumo abituale di erbe e spezie irritanti (peperoncino piccante, pepe, senape, curry, salsa Ketchup) è comunque sconsigliato.


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su