Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Vescica iperattiva: può essere alimentare?"

Da qualche giorno ho sintomi di vescica iperattiva. A volte mi capita di dover orinare anche 3 volte in un ora (con episodi di piccolissima entità o poche gocce), non ho altri sintomi, nessun bruciore, nessun dolore. Nelle passate settimane ho assunto 5/6 caffè al giorno e una lattina di coca cola a cena. Pensa possa essere un disturbo alimentare?

La vescica iperattiva è un problema abbastanza comune che può essere di origine diversa - da cause neurologiche, o ginecologiche, o urologiche - ed è più frequente nelle donne in menopausa o negli uomini con problemi alla prostata. Generalmente si controlla bene con farmaci specifici, se necessari, e comportamenti igienici adeguati. Il tutto ovviamente va prescritto dal suo medico in base al suo caso specifico. Gli alimenti però c’entrano poco o quasi niente. Più che altro è il consumo di liquidi che non dovrebbe essere eccessivo, anche per limitare l’urgenza. Tuttavia la caffeina, che è contenuta nelle bevande a base di cola, ha un riconosciuto potere stimolante della diuresi e andrebbe evitata, o comunque non consumata abitualmente: sarebbe meglio ridurre anche il consumo di tazzine di caffè non superando 2-3 al giorno. Anche il consumo abituale di erbe e spezie irritanti (peperoncino piccante, pepe, senape, curry, salsa Ketchup) è comunque sconsigliato.


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su