Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Verifica clinica dopo asportazione di mioma uterino"

Volevo chiedere se per verificare la presenza di eventuali residui in seguito all'asportazione di un mioma è previsto l'inserimento di un'intera mano dentro la vagina. Non esistano metodi diversi, meno invasivi e più moderni?

Per verificare la situazione clinica dopo un intervento di asportazione di mioma (miomectomia) sono possibili varie metodiche. La prima è ovviamente la classica visita ginecologica, che prevede solitamente l'introduzione in vagina di due dita, abitualmente accompagnata dalla pressione esterna sull’addome con l'altra mano, usata per meglio individuare utero e annessi. La seconda modalità può essere quella di un controllo ecografico sia transvaginale che transaddominale. Le diverse procedure possono essere associate.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su