Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Varicella: quanto dura l'incubazione?"

Buongiorno, mia figlia è stata a contatto con mia nipote domenica 26 maggio, 3 giorni prima che a quest’ultima comparissero le prime vescicole della varicella (mercoledì 29 maggio). Vorrei sapere da quale giorno inizia il periodo di incubazione e quanto dura, in modo da capire, in caso non si manifestino vescicole, da quando posso ritenere che mia figlia non sia stata contagiata.

La varicella è una malattia esantematica molto contagiosa, che si trasmette per via aerea. Inizia con la comparsa di piccole vescicole sul tronco, che si estendono in seguito al volto e agli arti, e si trasformano in pustole e poi croste che cadono spontaneamente.

L'incubazione dura in media 2 settimane, ma può arrivare fino a 3. La contagiosità inizia nelle 48 ore che precedono l'esantema e continua fino alla trasformazione in croste di tutte le vescicole.

Sua figlia è stata a contatto con una persona che aveva la varicella in incubazione: da domenica a mercoledì i giorni sono però più di due, quindi non dovrebbe essere stata contagiata. L'uso del condizionale è sempre d'obbligo perché esistono variabilità individuali e non note. In ogni caso, le 3 settimane d'incubazione si contano dal momento del contatto, cioè, per sua figlia, da domenica 26 maggio.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su