Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Varicella: quale pericolo di contagio"

Ieri mi è venuta a trovare una mia amica con un bimbo di 1 anno. Poi sono venuta a sapere che nell'asilo frequentato dal bimbo gira la varicella. Ho una bambina di un mese e mezzo, di 3,2 kg, nata alla 34 settimana, ma in buone condizioni. La bambina non è entrata in diretto contatto con il bambino ma sono stati per circa un'ora nella stessa stanza. Gli ultimi due bambini che si sono ammalati all'asilo sono a casa da 4 giorni, ma il bimbo che è venuto a casa mia li ha visti 8 gironi prima. Mi devo preoccupare?

La varicella è contagiosa dalle 48 ore che precedono la comparsa dell'esantema, fino a sette giorni dopo l'esordio. È molto contagiosa, ma il bambino che è stato a casa sua, non ha la varicella: è presente nell'asilo che lui frequenta e sicuramente anche in molti altri. Non deve preoccuparsi più se 48 ore dopo l'incontro, il bambino della sua amica non ha sintomi. Non esiste lo stato di portatore sano: contagia solo chi è già malato o lo sarà entro 48 ore. La malattia segue di 14 giorni il contagio. Capisce, dunque, come sia praticamente impossibile arginare la sua diffusione. L'epidemia conosce dei picchi stagionali, a fine inverno e inizio autunno (per condizioni climatiche e di umidità dell'aria forevoli), ma è presente anche negli altri periodi dell'anno. È benigna e autolimitantesi, tranne che nei soggetti immunocompromessi. È pericolosa se contratta in gravidanza, soprattutto nel primo trimestre e in prossimità del parto. A 1-2 mesi di vita merita sicuramente un trattamento antivirale specifico, ma non è così pericolosa. Inoltre, il neonato ha una copertura anticorpale passiva che gli ha trasmesso la madre (in genere, gli adulti hanno avuto la varicella da bambini).


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su