Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Valori alterati di carbossiemoglobina"

Ho 35 anni e non soffro di malattie respiratorie, ma vivo in un condominio in cui sono state installate caldaie con scarichi direttamente a parete, alcuni sotto le mie finestre; sono in possesso del verbale dell Asl in cui si invita il sindaco a emettere ordinanza di regolarizzazione e messa a norma, ma il comune se ne frega totalmente. Stasera ho avuto l'ennesima situazione di difficoltà respiratoria: al ps mi sottopongono a due dosaggi della sg-carbossiemoglobina a distanza di un 'ora circa; la dott.ssa di turno ha detto che le mie analisi sono ok, ma i valori delle deu misurazioni sono 1,7 e 1,6 (con valore di riferimento per non fumatori <0,5). Il mio esame è normale? Posso rivolgermi a un legale con questa carta per obbligare il comune a emettere l'ordinanza?

I valori di carbossiemolobina da lei riportati sono leggermente superiori alla norma. Sarebbe quindi opportuno che lei la controllasse anche dopo essere stato qualche giorno lontano da quelle fonti di inquinamento per vedere se i valori diminuiscono drasticamente. Se così fosse le consiglio vivamente di far spostare le canne fumarie in quanto vivere con dei livelli di carbossiemoglobina superiori ai limiti della norma non è il massimo per la salute dei suoi polmoni.


Ha risposto Tursi Francesco

Tursi

Francesco Tursi

Pneumologo

Dal 2005 è Dirigente medico presso l’UO di Pneumologia dell’Ospedale Maggiore di Lodi. È dal 2002 Segretario dell’Associazione Italiana per lo Studio della Tosse (A.I.S.T.) e dal 2009 Presidente dell’ALOR onlus (associazione lodigiana di ossigenoterapia riabilitativa).

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su