Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Vaccini e complicanze neurologiche"

Ho un dubbio che mi assilla: c'è la possibilità che facendo il vaccino mpr o facendo i richiami il bambino possa diventare autistico? Ho letto che si possono avere gravi effetti collaterali a carico del sistema nervoso, e ultimamente non si parla d'altro. Quanto c'è di vero?

I vaccini sono una pratica diffusa e sicura. Sono l’unica vera ed efficace prevenzione di malattie pericolose, a volte anche mortali. Vacciniamo sistematicamente i bambini da oltre 50 anni: questo ha fatto sì che molte malattie siano quasi scomparse dai Paesi come il nostro. Molti di noi hanno quindi dimenticato quante morti si verificavano in era pre-vaccinale e quante ne abbiamo evitate con i vaccini. Quante complicanze hanno gravato su malattie che crediamo “banali” come il morbillo. Dopo tanti anni in cui non vediamo più la malattia naturale le complicanze del vaccino, rare ma possibili, ci sembrano eccessive. In realtà molte di queste malattie ci sono ancora e fanno più vittime (direttamente o per le complicazioni derivate) di quante non se ne verifichino con il vaccino. Riguardo all’autismo, non c’è alcuna correlazione tra la sua insorgenza e le vaccinazioni. Le complicanze neurologiche sono state descritte in caso di particolari situazioni immunologiche dei piccoli vaccinati. A maggior ragione, se il bambino è già stato sottoposto ad un ciclo vaccinale, senza reazioni avverse, non c’è nulla da temere.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su