Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Utilità dello screening microcitemico in Sardegna"

Ho 33 anni, sono nata e vivo in Sardegna e sono alla 11 settimana di gravidanza. Nonostante i mei valori del sangue siano perfetti mi è stato richiesto lo screening microcitemico. Ora volevo sapere se era proprio necessario, dal momento che le strutture che eseguono questo esame sono pochissime e a molti chilometri da dove abito io. Inoltre: lo screening beta talassemico è lo stesso del microcitemico?

Screening microcitemico e beta talassemico sono sovrapponibili. L’utilità dello screening della microcitemia in fase prenatale è indiscutibile in una regione come la Sardegna, dove la prevalenza di beta talassemia è molto elevata. A maggior ragione se indagini in questo ambito non sono state fatte dai singoli membri della coppia in fase preconcezionale.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su