Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Tetosterone per aumentare la massa muscolare"

Ho 39 anni e mi alleno tre volte a settimana e vorrei prendere un po’ di massa, ma nonostante il mio allenamento e una alimentazione quasi corretta non ci riesco più di tanto. Vorrei chiedere se e quanto possa essere rischioso assumere in piccole dosi del testosterone, sotto controllo medico.

La terapia con testosterone è indicata solo in soggetti che hanno patologie che determinino una carenza di questo ormone. Di conseguenza, una corretta prescrizione non può prescindere dal dosaggio nel sangue del testostosterone e, solo dopo il ritrovamento di valori ripetutamente bassi, in presenza di sintomi tipici di questa condizione è corretto prescrivere una terapia con testosterone, detta sostitutiva proprio perchè va a riportare a livelli fisiologici il testosterone che, per vari motivi, risulta basso. L’assunzione di testosterone fuori da questa indicazione non è attualmente considerabile corretta e non è raccomandata da nessuna linea guida. L’effetto collaterale di maggior rilievo di una assunzione non corretta di testosterone è l’aumento dei globluli rossi nel sangue con aumentato rischio di andare incontro a ictus. L’altro problema legato all’assunzione del testosterone è la riduzione della produzione di spermatozoi (testimoniata tra l’altro dalla riduzione del volume dei testicoli) con riduzione, generalmente reversibie, della fertilità.


Ha risposto Maggi Mario

Fotomggi

Mario Maggi

Andrologo e sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Firenze, si è specializzato in Endocrinologia nel medesimo Ateneo. Dal 2005, è Direttore S.O.D. Medicina della Sessualità e Andrologia, Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi, Firenze.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su