Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Testosterone nella sindrome di Klinefelter"

Ho la sindrome di Klinefelter scopertami 18 anni fa, e anche la sindrome di Marfan. Vorrei tornare a fare la cura di testosterone che ho abbandonato da 4 anni. Diciamo che sono abituato ad essere come sono, senza la cura, solo ultimamente mi sono reso conto che vorrei tornare a lavorare. Ho avuto l'invalidità a partire dal 2004 per depressione bipolare. Le cure che ho fatto in passato erano punture: è l'unica cura esistente, o ci sono altri modi per assumere testosterone?

La terapia sostitutiva con testosterone nella sindrome di Klinefelter è mandatoria in quanto il testosterone non è solo implicato, come spesso si crede, nella sessualità ma ha un amplissimo raggio di azione in termini di trofismo genito-urinario, osseo, muscolare, cerebrale. Consiglio quindi che lei sia seguito in modo accurato da uno specialista endocrinologo affinché possa eseguire la terapia sostitutiva con testosterone in modo appropriato. La formulazione da lei usata in passato oggi è ancora disponibile, ma certo superata da nuove formulazioni in particolare il testosterone gel (quotidiano) e il testosterone intramuscolo long-acting (trimestrale).


Ha risposto Guabello Gregorio

Gaubello1

Gregorio Guabello

Endocrinologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2001, è dal 2006 specialista in Medicina Interna e, dal 2012, in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su