Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Test prenatali"

Volevo un suo parere sul test Prenatalsafe. Leggendo le varie esperienze e i vari siti a riguardo non sono ancora riuscita a capire se vale la pena o meno eseguire questo test. Nel mio caso, ho 33 anni, nessuna familiarità da segnalare e un figlio di tre anni che grazie a Dio sta bene è meglio fare il classico bi-test?

Il test citato viene eseguito su pochi millilitri di sangue materno procurati con un unico prelievo. Esso può valutare solo le aneuploidie a carico dei cromosomi 13, 18,21, X e Y, mentre le aneuploidie di altri cromosomi non sono valutabili. È per questo che, in ogni caso, questo tipo di procedura non può essere sostitutiva della diagnosi prenatale invasiva con villocentesi o amniocentesi, laddove essa sia necessaria. E in ogni caso i risultati non sono diagnostici, ma solo probabilistici, pur con una probabilità di errore inferiore all’1%, e devono essere considerati all’interno di una valutazione complessiva della gravidanza e del feto. Detto in altri termini, un risultato negativo del test non può totalmente garantire che i cromosomi fetali siano totalmente normali e di conseguenza che il feto sia assolutamente sano. Il bi-test fornisce informazioni solo sulla trisomia 21, la cosiddetta sindrome di Down. Esso associa la valutazione ecografica della plica nucale al dosaggio di due proteine nel sangue materno, e consente di identificare circa l’85% dei feti affetti da sindrome di Down. La scelta se fare l’uno o l’altro degli esami o di non fare nessuno di essi va ponderata insieme allo specialista che segue la gravidanza.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su