Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Terapia ormonale sostitutiva a 42 anni, quali vantaggi"

Ho 42 anni e ho avuto sempre un ciclo irregolare. Ho fatto parecchie cure per l'infertilità (stimolazioni per fivet) e dopo una gravidanza nel 2011 il ciclo è praticamente scomparso. Con progesterone alcune volte ho avuto la mestruazione, ma dal 03/10/2013 non è più arrivata. Il mio ginecologo mi ha consigliato di iniziare una terapia sostitutiva dopo aver ripetuto i dosaggi ormonali. Volevo chiedere cosa ne pensa lei di queste terapie sostitutive e dei loro effetti collaterali: il mio medico dice che sono troppo giovane per andare in menopausa e che tra qualche anno potrei avere seri problemi che si possono attenuare con la terapia sostitutiva.

Se la menopausa è stata dimostrata anche con dei dosaggi ormonali, una terapia sostitutiva è corretta, poiché in questo caso si tratta di menopausa precoce. E i dati della letteratura dicono che tanto più la menopausa è precoce tanto più sono possibili i suoi problemi, di breve periodo (es. vampate e altro), di medio periodo (es. atrofia vaginale, tendenza al prolasso e altro), di lungo periodo (es. osteoporosi), ovviamente con variazioni personali che vengono influenzate da molti fattori (alimentazione, struttura fisica, genetica ecc.). Naturalmente la terapia sostitutiva non riesce a sostituire la natura e non cambia l’età della menopausa, ma riesce a limitare i possibili danni. Ad essa va aggiunto uno stile di vita sano, con molto movimento, evitando per quanto possibile il fumo e l’alcol.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO

Per poter scrivere ai nostri esperti devi essere un utente registrato.
Se non hai ancora effettuato la registrazione

Registrati


Se sei un utente già registrato effettua il login inserendo indirizzo e-mail e password

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al tuo medico o al tuo farmacista, oppure direttamente alla tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su