RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Tatuaggio sulla vena"

Avendo sul braccio il segno della farfallina dell'ospedale perché ho tenuto per tanto tempo la flebo, vorrei coprire questo segno con un tatuaggio. Essendo proprio sulla vena dove la pelle è fine, c'è rischio che l'inchiostro passi nel sangue?

I tatuaggi, purché eseguiti da mani esperte e qualificate, non comportano i rischi che la preoccupano. C'è da dire che, spesso, i segni o macchie di questo tipo si attenuano e scompaiono nel giro di qualche mese; se ciò non accade si può pensare al tatuaggio. Bisogna considerare che in quel punto sarà molto visibile, pertanto la scelta del disegno deve essere attentamente valutata.


Ha risposto Garonzi Francesco

Garonzi

Francesco Garonzi

Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976,presso l’università degli studi di Milano, consegue l'abilitazione all'esercizio della professione medica nel 1977. Consegue la specializzazione in Dermatologia e Venereologia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1979.Da allora esercita la professione come specialista dermatologo.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Attenzione: Il servizio "Chiedi all'esperto" sarà sospeso dal 1 Agosto 2017 fino al 31 Agosto 2017.
I quesiti inviati durante questo periodo potranno essere inoltrati ai nostri consulenti dopo la pausa estiva.

Torna su