Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Orticaria da stress: che succede a fare un tatuaggio"

Ho 31 anni e dalla età di 12 anni soffro di orticaria da stress; devo dire che negli ultimi anni la patologia è abbastanza migliorata però non è sparita come mi dissero sarebbe avvenuto. Ora vorrei fare un tatuaggio ma ho avuto sempre paura che la mia pelle non l'avrebbe sopportato per via della mia patologia, non so che correlazione ci possa essere tra il tatuaggio e la mia orticaria da stress, ma volevo un suo parere in merito.

Nei casi di orticaria cronica, qualunque ne sia la causa, la pelle potrebbe trovarsi in uno stato in cui piccoli traumi o pressioni sono in grado di provocare liberazione di istamina con conseguente reazioni pomfoidi limitatamente alle zone interessate (dermografismo), questo anche in assenza di manifestazioni orticarioidi conclamate. Questa condizione può non essere costante, per cui è bene verificarla. I traumi rappresentati dagli aghi adoperati per il tatuaggio potrebbero infatti generare un'eccessiva infiammazione che comporterebbe un assorbimento disomogeneo dei pigmenti.


Ha risposto Garonzi Francesco

Garonzi

Francesco Garonzi

Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976,presso l’università degli studi di Milano, consegue l'abilitazione all'esercizio della professione medica nel 1977. Consegue la specializzazione in Dermatologia e Venereologia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1979.Da allora esercita la professione come specialista dermatologo.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su