Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Tatuaggi e rischio di cheloidi"

Buongiorno, sono a richiedere se con un tatuaggio all'interno del polso c'è il rischio che si formi un cheloide. Premetto che qualche anno fa, a causa di un piercing nella parte alta dell'orecchio ho avuto la formazione di un cheloide, poi risolta quasi completamente con delle iniezioni. Quando mi capita di tagliarmi o graffiarmi la cicatrice rimane nella norma e, a parte il caso citato sopra, non ho avuto altri problemi di quel genere. Corro un alto rischio con un tatuaggio? C'è la possibilità di fare delle "prove" per verificare il rischio?

La formazione di cheloidi, o meglio di cicatrici ipertrofiche o cheloidee, dipende da fattori genetici che determinano diversi gradi di intensità. Se la sua cicatrizzazione è risultata nel complesso regolare direi che il rischio è limitato; eventualmente è bene eseguire il tatuaggio in modo più superficiale possibile. Le "prove" non possono fornire indicazioni attendibili.


Ha risposto Garonzi Francesco

Garonzi

Francesco Garonzi

Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976,presso l’università degli studi di Milano, consegue l'abilitazione all'esercizio della professione medica nel 1977. Consegue la specializzazione in Dermatologia e Venereologia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1979.Da allora esercita la professione come specialista dermatologo.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su