Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Tachicardia che perdura da un aio di anni"

Le scrivo perché da due anni soffro di tachicardia. All’inizio si pensava fosse per l’ansia degli esami scolastici, ma io ero tranquillisima; la tachicardia persisteva e quindi ho fatto la visita cardiologica più Holter e tutto risulatava nella norma. Tre mesi fa sono stata ricoverata perché i miei battiti sono arrivati a 220, ma il cuore risultava a posto. Due settimane fa ho fatto un’altra visita cardiologica ma a livello cardiologico non risulta nulla. Sto inoltre curando un ipertiroidismo lievissimo quasi guarito, ma la tachicardia e soprattutto le extrasistoli continuano. Potrebbe essere un problema legato a problemi di stomaco?

Battiti al ritmo di 220 per minuto mi sembra un po' troppo, è sicura? Non le hanno detto che cosi è una tachicardia parossistica sopraventricolare (TPSV) molto rapida? Se è cosi farei subito una visita aritmologica portando l'ecg che era a 220 bpm; se non fosse cosi, cosa che credo più probabile, L'ipertirodismo non in terapia completa può dare tachicardia. In ogni modo io recupererei tutta la documentazione e farei una visita aritmologica.


Ha risposto Panciroli Claudio

Panciroli

Claudio Panciroli

Cardiologo

Dal 1985 esercita la professione presso l’Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi, in USS Interdipartimentale di Emodinamica di cui è responsabile e in USC di Cardiologia e, privatamente, in ambulatorio.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su