Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Strane macchie sul bambino"

Al mio bambino che ha compiuto da poco 4 mesi son comparse nella zona pannolino delle chiazze acromiche. Una linea dall'ombelico all'inguine, un'altra linea nell'interno coscia sinistro e due chiazze, questa volta dai contorni indefiniti ma sempre bianche sulla pancia e sull'altra coscia. Il dermatologo mi ha parlato di due possibilità: nevi acromici o incontinenza di pigmenti, dicendo che per poter effettuare una diagnosi precisa bisogna attendere almeno un anno. Ho letto su internet la gravità dell'incontinenza di pigmenti e mi sono un po' allarmata. Ma questa malattia non dovrebbe manifestarsi con eruzioni cutanee? Non esistono esami medici in grado di stabilire prima di cosa si tratta? E soprattutto esiste una cura? Che percentuali di rischio neurologico ci sono?

L'incontinentia pigmenti è una complessa malattia ereditaria che colpisce pressochè esclusivamente le bambine. Comprende lesioni cutanee, lesioni oculari e neurologiche. Il gene responsabile è il gene NEMO; questo permette una diagnosi molecolare e spiega la patogenesi. I segni cutanei evolvono in tre fasi: una fase bollosa inziale, una fase papulo cheratosica (2° - 5° mese) e una fase pigmentata (3°-6°). Data la scarsa correlazione tra il quadro clinico descritto e le caratteristiche di questa complessa sindrome, io propenederei per un nevo acromico.


Ha risposto Garonzi Francesco

Garonzi

Francesco Garonzi

Dermatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1976,presso l’università degli studi di Milano, consegue l'abilitazione all'esercizio della professione medica nel 1977. Consegue la specializzazione in Dermatologia e Venereologia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1979.Da allora esercita la professione come specialista dermatologo.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su