Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Stime del peso fetale e alla nascita"

Quanto potrebbe pesare il neonato alla nascita se alla fine del settimo mese il feto pesa all'incirca un chilogrammo?

Le variabili che entrano in gioco nel determinare il peso di un feto a termine, nel momento in cui diventa neonato, sono molte, sia sul versante materno (eta’, peso materno iniziale e acquisito in corso di gravidanza, alimentazione, andamento della gravidanza, patologie della gravidanza e intercorrenti, genetica ecc.), sia sul versante fetale (misure ecografiche effettuate a 10-12 settimane, caratteristiche genetiche, infezioni transplacentari ecc.) che sul versante utero-placentare (flussimetria, funzionalità della placenta correlata con il metabolismo materno e/o con patologie materne, ad esempio ipertensione, localizzazione anatomica della placenta, genetica ecc.). Le stime del peso sono dunque sempre fatte con delle variazioni in più o in meno anche con le formule più sofisticate, per cui una predizione corretta non è facilmente effettuabile, pur tenendo presente che solitamente l’aumento del peso fetale è in un qualche modo esponenziale fino a circa a 38 settimane e poi rallenta o si blocca. In generale il peso alla nascita può andare dai 2,5 ai 4-4,5 kg e in media è attorno ai 3 kg.




Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su