Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Sovrappeso dopo sospensione della terapia ormonale sostitutiva"

Sono in menopausa da cinque anni e dovrò subire una tiroidectomia per prevenzione. Dopo aver preso per 5 anni la pillola sostitutiva per la menopausa adesso sto prendendo degli integratori (uno per alleviare i disturbi funzionali della menopausa e uno drenante e depurativo) che non mi risolvono le vampate, anche se le attenuano. Dopo l'interruzione della terapia ormonale sostitutiva ho preso 5 chili, ho l'addome gonfio che non avevo neanche in gravidanza. Cosa devo fare per riprendere in parte la mia forma fisica?

Nei primi 6-7 anni dopo la menopausa la condizione ormonale della donna è alterata e molto delicata e ciò influisce sul metabolismo generale e sul peso. Ci sono donne che soffrono a lungo per questo disordine (vampate per 4 o 5 anni) e altre che non ne soffrono per niente. La terapia sostitutiva non fa che ritardare i problemi che prima o poi riappaiono ed è utile per le donne esposte a forte rischio di malattie cardiache o osteoporosi. Dunque, i suoi problemi di peso dopo l’interruzione della terapia sostitutiva sono comuni a molte donne. Tuttavia non è corretto continuare tale trattamento per più di 1 o 2 anni al massimo. Quello che deve fare è muoversi il più possibile, fare una dieta sana e povera di grassi, bere acqua in abbondanza per aiutare il drenaggio dei liquidi, poco sale, niente fumo né alcolici. E per qualsiasi farmaco o integratore, è sempre meglio chiedere al proprio medico.


Ha risposto Gatti Patrizia Maria

Pgatti

Patrizia Maria Gatti

Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Laureata in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano si è Specializzata in Scienza dell’alimentazione (indirizzo dietetico) presso il medesimo Ateneo nel 1986. Nel 1994 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biochimica e la Specializzazione in Biochimica Clinica (indirizzo diagnostico) nel 1997

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su