Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Sonno polifasico, informazioni"

Ho letto ultimamente un articolo che dice che il sonno polifasico è maggiormente ristoratore. C'era anche scritto che questo implica una riduzione di sonno globale fino a 2 ore al giorno complessive senza ripercussioni e che, a quanto pare, era un metodo adottato da Leonardo da Vinci. Vorrei saperne di più.

Il sonno della persona adulta è un sonno diviso in 5 fasi: stadio 1, 2, 3 e 4 (detti anche sonno non REM, in cui si ha un progressivo rallentamento dell'attività elettrica all'elettroencefalogramma - Eeg - e il sonno diventa sempre più profondo), che occupano la maggior parte del sonno, e una fase di sonno REM (caratterizzato da un Eeg simile a quello dell'addormentamento o della veglia, tono muscolare ridotto, rapidi movimenti oculari; in tale fase sono concentrati i sogni). Negli adulti l'alternanza di sonno e veglia avviene con ritmi circadiani: si dorme la notte (per circa 8-10 ore) e si sta svegli di giorno. Come sonno polifasico si intende quello del neonato che occupa circa 16-18 ore nella giornata (con ugual distribuzione tra sonno REM e non REM). Non ho la minima idea di come possa un adulto ritornare a tale sonno né se Leonardo da Vinci ci sia riuscito.


Ha risposto Zilioli Angelo

Foto zilioli

Angelo Zilioli

Neurologo

Dal 1997 esercita presso il reparto di neurologia dell’Azienda Ospedaliera di Lodi. È responsabile dell’USS Stroke Unit. Si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Pavia, dove si è anche specializzato in Neurofisiopatologia.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su