Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Sintomatologia non riferibile alla tiroidite"

A mia figlia, di 24 anni, è stata diagnosticata una tiroidite di Hashimoto in eutoridismo, perrtanto non le è stata data alcuna cura, ma la ragazza ha tantissimi "fastidi": astenia, ansia, sbalzi d'umore tendenti al basso, prurito e senso di avere un oggetto in gola che impedisce di deglutire normalmente, perdita di capelli e altro ancora. Davvero è tutto da ricercarsi da altre parti o è la tiroidite che le causa tutto questo? Sono mesi che non sta bene.

Se la diagnosi di tiroidite di Hashimoto in eutiroidismo è corretta, ciò significa che a fronte di una infiammazione cronica della ghiandola tiroidea la funzione tiroidea è nella norma, cioè la quantità di ormoni che la tiroide produce è normale. Quindi le cause dei sintomi che riferisce sua figlia sono da ricercarsi altrove. Segnalo che la tiroidite autoimmune può associarsi altresì ad altre malattie autoimmuni, endocrine e non, e quindi in base ai sintomi riferiti dalla paziente, il medico dovrà fare eventuali approfondimenti per escludere alterazioni ormonali concomitanti.


Ha risposto Guabello Gregorio

Gaubello1

Gregorio Guabello

Endocrinologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2001, è dal 2006 specialista in Medicina Interna e, dal 2012, in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Torna su