RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Se a 16 mesi non vuol giocare da sola"

La mia bambina, di 16 mesi, da quando ne aveva 10 ha cominciato a piangere tutto il giorno finché non viene presa in braccio oppure non stai seduta sul divano con lei a giocare. Altrimenti non fa altro che stare attaccata alla gamba, capace di urlare tutto santo il giorno senza stancarsi. Io sono sfinita. C'è da dire che prima di quel periodo io sono stata un mese in ospedale causa una gravidanza difficoltosa che poi è finita male. Ma può essere ancora il distacco? Cosa è meglio fare? Non vuole stare a giocare da sola e non sta in braccio a nessuno se non a me o al padre, altrimenti sono urla disumane.

Un bimbo di 16 mesi non è ancora in grado di organizzarsi un gioco da solo, ha bisogno della guida di un adulto. Qualcuno tollera bene brevi periodi senza l'attenzione del genitore, altri meno. Si parla comunque di un tempo dell'ordine dei 10-20 minuti, da sveglio: poi, o si addormentano o chiamano. Qualcuno non tollera nemmeno un tempo così breve. Sicuramente è faticoso per chi sta con un bimbo di quest'età, ma è normale. La soluzione è nel tempo e nella maturazione della capacità di gioco autonomo. Cosa che può essere stimolata presentando e facendo con il piccolo giochi educativi adatti alla sua età, incoraggiandolo a proseguire ciò che l'adulto ha iniziato, un po' sotto la sua guida, un po' da solo. Ad esempio i giochi di incastro, gli oggetti da riordinare secondo forma e grandezza, oppure si possono proporre giochi con gli oggetti da cucina, che sono sempre di grande fascino. Va, però, lasciata anche una certa autonomia: intendo dire che se vogliamo che un bambino giochi da solo, dovremo anche accettare i suoi slanci di esuberanza, come giochi rumorosi oppure tollerare che a volte qualcosa si rompa o si sporchi. Non sempre il gioco da loro scelto è quello che l'adulto avrebbe preferito. La presenza e la guida del genitore sono comunque sempre indispensabili.


Ha risposto Battaglioli Marina

Battaglioli1

Marina Battaglioli

Pediatra e neonatologa

Specializzata in Pediatria Generale nel 1994 e in Neonatologia nel 1996, dal 2000 assume l’incarico a tempo indeterminato presso il reparto di Patologia Neonatale e Nido dell’Ospedale Buzzi, dove attualmente è Dirigente medico di 1° livello.

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Attenzione: Il servizio "Chiedi all'esperto" sarà sospeso dal 1 Agosto 2017 fino al 31 Agosto 2017.
I quesiti inviati durante questo periodo potranno essere inoltrati ai nostri consulenti dopo la pausa estiva.

Torna su