Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Scoliosi, protrusioni discali e artrosi"

Ho fatto una Tac e mi è stata riscontrata una marcata scoliosi dx convessa della colonna dorso lombare e diverse protrusioni discali: a livello delle lombari 1, 2, 3, 4, 5 e 6, e artrosi interapofisaria posteriore a tutti i livelli e sacroiliaca bilaterale con vacuum intraarticolare. Cosa si può fare?

La scoliosi è una patologia irreversibile caratterizzata da una deviazione laterale associata a una rotazione dei corpi vertebrali. Viene classificata come "congenita" quando è associata a un'anomalia dello scheletro, "acqusita" quando le cause sono di tipo traumatico, infiammatorio o lesioni di tipo neuromuscolare e "idiopatica" quando le cause non sono note e si ipotizzano alterazioni di tipo genetico, neuromuscolare, biochimico ecc. La scoliosi non può essere prevenuta, è auspicabile una diagnosi precoce capace di aumentare la percentuale di successo della della terapia che, nei casi meno gravi, è l'esecuzione di esercizi specifici fatti effettuare da un fisioterapista esperto. Questo primo approccio è fondamentale poiché rallenta l'evolutività della scoliosi senza tuttavia garantirne il risultato. Nei casi più gravi si abbina agli esercizi posturali o di ginnastica correttiva l'uso del corsetto. Nei casi peggiori, quando evitare l'aggravamento diviene impossibile, rimane come ultima soluzione l'intervento chirurgico. Il disco intervertebrale è una giunzione fibrocartilaginea che connette due vertebre adiacenti e funge da ammortizzatore naturale con lo scopo di attenuare le pressioni sviluppate durante i movimenti. Oltre a questo conferisce alle vertebre sovrapposte una certa mobilità in flessione, estensione e rotazione. Se gli sforzi sulla colonna sono notevoli e ripetuti il disco va incontro a un rapido processo di invecchiamento e degenerazione, dando così origine alla discopatia. L’alterazione degenerativa del disco causata dal cedimento dell’anello fibroso e dalla conseguente fuoriuscita di liquido provocano in un primo stadio quella che definiamo protusione. I fattori principali che favoriscono la protusione sono: l’età, le posture scorrette, gli sforzi quotidiani oltre che il sovrappeso e la scoliosi (questi ultimi non come cause primarie ma come cause di aggravamento). Le terapie elettive sono la fisiochinesiterapia, la ginnastica correttiva e la ginnastica posturale.


Ha risposto Boccalandro Elena

Boccalandro

Elena Boccalandro

Terapista della Riabilitazione, Dottore in Osteopatia

Diplomata in Terapia della Riabilitazione nell’anno 1993/94 e Dottore in Osteopatia dal 1999, è regolarmente iscritta al Registro Osteopati Italiani. Dal 1994 lavora in qualità di libera professionista.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su