Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Sandal gap, quale correlazione con la sindrome di Down"

Ho 24 anni e sono alla 14a settimana di gravidanza. Il mio compagno ha un difetto al piede che viene chiamato "sandal gap" e che ho scoperto essere spesso presente in bimbi con sindrome di Down, ciò significa che il mio ragazzo pur essendo normale può avere più probabilità di essere portatore di questa anomalia genetica?

Il sandal gap (segno del sandalo), cioè l’allargamento dello spazio tra il primo e il secondo dito del piede, è un possibile marcatore della sindrome di Down, ma è presente solo nel 45% delle persone Down. È una immagine osservata durante un'ecografia prenatale ed è considerata una normale variante. La sua presenza quindi è di poca importanza diagnostica, se resta unico marcatore. Peraltro non vi è attuale evidenza di ereditarietà di questa condizione.


Ha risposto Arisi Emilio

Arisi1

Emilio Arisi

Ginecologo

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Parma, si è specializzato in Ostetricia e Ginecologia nella stessa Università. Dal 1993 al 2010 è stato Direttore della U.O. di Ostetricia e Ginecologia dell’Ospedale Regionale “S. Chiara” di Trento dove, dall’inizio del 2002 è stato coordinatore del Dipartimento Materno-Infantile della Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia di Trento.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su