Pubblicità

RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Rischi dopo epilessia da angioma cavernoso "

Circa tre anni fa il mio ragazzo ha subito un operazione per rimuovere un angioma cavernoso al cervello che gli aveva provocato un attacco epilettico e la paralisi temporanea del piede destro. attualmente dopo l'operazione non c'è stato più nessun episodio del genere e il mio ragazzo prende regolarmente un antiepilettico. Ora vorremmo recarci in un parco giochi del tipo di mirabilandia e lui ha paura che i giochi possano provocargli un nuovo episodio di epilessia o peggio ancora una nuovo sanguinamento al cervello. Mi chiedevo se questa cosa è possibile o è possibile svolgere una vita senza rischi dal momento che l'angioma cavernoso è stato rimosso?

Il suo ragazzo può effettuare sicuramente una vita normale, deve solo avere alcune accortezze (evitare la privazione di sonno o la stimolazione luminosa intermittente, cioè situazioni potenzialmente epilettogene). Le consiglio comunque di farlo seguire da un centro per la cura dell'epilessia.


Ha risposto Zilioli Angelo

Foto zilioli

Angelo Zilioli

Neurologo

Dal 1997 esercita presso il reparto di neurologia dell’Azienda Ospedaliera di Lodi. È responsabile dell’USS Stroke Unit. Si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Pavia, dove si è anche specializzato in Neurofisiopatologia.

Gentile utente, a causa di adeguamenti tecnici il servizio "Chiedi all'esperto" è momentaneamente sospeso.
Torna su