RISPOSTA DELL'ESPERTO

"Rischi da esposizione al Piombo"

Sono la mamma di un ragazzino di 12 anni. Durante un suo esperimento che ha letto su una rivista, a mia insaputa ha fatto sciogliere 250 g di piombi in un pentolino ed è rimasto in un luogo non areato (in cucina con finestre chiuse) per circa 50 minuti. Sono molto preoccupata anche se al momento non manifesta nessun sintomo da intossicazione. Che rischi corre? Cosa mi consiglia di fare?

Vorrei tranquillizzarla dicendole che le problematiche legate a esposizioni di mettali pesanti si hanno per periodi prolungati nel tempo, quindi se suo figlio non ha manifestato fenomeni acuti difficilmente avrà problematiche legate a tale esposizione. Se proprio vorrà fare qualche esame di controllo può effettuare un radiogramma standard del torace. Sconsiglio tuttavia ulteriori esposizioni senza le dovute precauzioni (mascherina).


Ha risposto Tursi Francesco

Tursi

Francesco Tursi

Pneumologo

Dal 2005 è Dirigente medico presso l’UO di Pneumologia dell’Ospedale Maggiore di Lodi. È dal 2002 Segretario dell’Associazione Italiana per lo Studio della Tosse (A.I.S.T.) e dal 2009 Presidente dell’ALOR onlus (associazione lodigiana di ossigenoterapia riabilitativa).

CHIEDI ALL'ESPERTO
Registrati ACCEDI

Nel caso volessi comunicare qualche effetto indesiderato, segnalalo al Tuo medico o al Tuo farmacista, oppure direttamente alla Tua struttura sanitaria di riferimento secondo le modalità riportate al seguente sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA)


Attenzione: Il servizio "Chiedi all'esperto" sarà sospeso dal 1 Agosto 2017 fino al 31 Agosto 2017.
I quesiti inviati durante questo periodo potranno essere inoltrati ai nostri consulenti dopo la pausa estiva.

Torna su